Questo sito rilascia cookies tecnici per consentirne il funzionamento, oltre a cookies, anche di terza parte, di 'analytics' per fare statistiche sul traffico ed attivare il miglioramento. Cliccando su "Conferma Scelte", acconsenti all’uso dei cookies qui sotto proposti o da te selezionati. Cliccando su "Accetta tutti i cookies" li abiliti tutti. Per saperne di più

Concerto per violoncello di Ettore Pagano nella nostra Aula Magna

Un altro meraviglioso sabato musicale nel nostro istituto comprensivo. Il 17 dicembre, infatti, si è esibito nell’Aula Magna della nostra scuola il giovanissimo violoncellista Ettore Pagano, di soli 19 anni. Come ha sottolineato il professore Fernando Ciaramella nell’introdurre il musicista, si tratta quasi di un nostro coetaneo.
Eppure il suo talento è già smisurato e incontrarlo è stato una grande emozione, così come scoprire il meraviglioso strumento che suona.
Nato a Roma nel 2003, è cresciuto in una famiglia di musicisti: a introdurlo allo studio del violoncello è stato il fratello maggiore che suonava lo strumento prima di lui. Come ci ha detto Pagano rispondendo alle domande di noi studenti, “nascere in una famiglia di musicisti è un fattore che avvantaggia notevolmente chi vuole emergere nella musica e vivere di questo lavoro” perché invece “chi non ha questa fortuna deve faticare molto di più per raggiungere livelli importanti”. Nonostante questo, ci ha spiegato quanto lo studio quotidiano sia essenziale per il successo, insieme alla passione per lo strumento. Ci ha confidato di sognare di imparare un giorno a suonare anche l’organo, uno strumento che lo affascina moltissimo. Tra i suoi compositori preferiti per violoncello c’è Shostakovich, anche se ci ha fatto capire che il repertorio classico del violoncello è molto più limitato rispetto a quello
del pianoforte o del violino, e che la gran parte delle composizioni per violoncello risale agli ultimi due secoli, dal 1800 in poi.
Ettore Pagano ha iniziato lo studio del violoncello a nove anni. Allievo dell’Accademia Chigiana sotto la guida di Antonio Meneses e David Geringas, ha terminato il corso di Laurea triennale al Conservatorio di S.Cecilia a Roma laureandosi con il massimo dei voti, lode e menzione. Dal 2013 ad oggi gli è stato assegnato il primo premio assoluto in oltre 40 concorsi nazionali e internazionali. In particolare, nel 2017 ha ottenuto dalla New York International Artist Association una borsa di studio e un concerto premio alla prestigiosa Carnegie Hall. Il più recente riconoscimento internazionale, che arricchisce il suo già cospicuo palmares di vittorie, è il primo premio al prestigioso Khachaturian Cello Competition svoltosi nel giugno 2022 a Yerevan. E’ stato già invitato a suonare in recital su importanti ribalte internazionali a Parigi, in Germania (Berlino, Amburgo, Halle, Kiel), Austria, Stati Uniti d’America; e come solista con la Croatian Radiotelevision Symphony Orchestra, la Graz Philharmonic, la lituana Klaipeda Chamber Orchestra, la Young Musicians
European Orchestra, l’Armenian State Symphony Orchestra.
Ettore Pagano suona un violoncello del Maestro Giorgio Grisales.

Galleria di foto Scuola secondaria di Caiazzo