Auguri del Dirigente scolastico per la Santa Pasqua

Carissima comunità,

vorrei scrivere tante cose ma non so da dove iniziare e cosa dire che non sia già stato detto e scritto.

Questo periodo così problematico  e sofferto   ci ha insegnato a discernere le cose importanti da quelle che non lo sono, ha fatto uscire il meglio da ognuno di  noi,   regalandoci  nuove situazioni , nuove abitudini.

Ognuno ha scoperto di possedere  una forza che non pensava di avere, quella forza che  fa sorridere anche se  vorremmo urlare e piangere, quella forza che ogni mattina ci fa aprire le finestre e respirare a pieni polmoni un altro bel giorno. La stessa forza che ci fa abbracciare, ‘senza braccia’   tutti quelli che fin ad ieri abbracciavamo calorosamente con pacche e strette di  mano.

Nonostante le ordinarie preoccupazioni personali, familiari, economiche e sociali, nonostante quel  disagio che ha accresciuto la fatica del vivere  disorientando i cuori, nonostante tutto….  Siamo qui a scambiarci gli auguri di un’altra PASQUA.

Pasqua  è la prima festa di Primavera . Il vero significato della Pasqua è infatti di speranza e gioia. periodo di rinascita dopo il duro inverno. I culti legati alla terra hanno da sempre festeggiato infatti il momento in cui i fiori tornano a sbocciare, l’agricoltura torna a dare frutti, il calore del sole torna a scaldare. Torna insomma la vita. Ed è questo il vero significato della Pasqua: la rinascita. Questo concetto rimane profondamente legato alla Pasqua in ogni religione e nelle sue tante tradizioni che traggono origine dalle antiche celebrazioni di questa festa. Ed è per questo che gli auguri di Pasqua sono particolarmente importanti.

Fare gli auguri di Pasqua significa quindi augurare una nuova vita felice, vuole dire sperare in un domani migliore, auspicare di superare ogni dolore. Con la Pasqua e la primavera la vita rinasce e si spera rinasca anche nel cuore di chi amiamo

Le circostanze difficili hanno reso certamente più complessa e sofferta la nostra vita, ma ritorneremo alla vita di tutti i giorni ma con la consapevolezza di essere stati capaci di far fronte in maniera positiva  a questo evento traumatico e  di aver riorganizzato la nostra  vita nonostante le difficoltà.

Questo tempo a mio avviso non è stato un tempo sprecato inutilmente perché ci ha dato l’opportunità di imparare a dare valore  e importanza solo alle cose essenziali.

Per gli studenti, sostenuti dalle loro famiglie, l’augurio si trasforma anche in un incoraggiamento ad affrontare con impegno e serenità il periodo finale dell’anno, durante il quale a tutti sarà richiesto di compiere un ultimo sforzo per consolidare quanto appreso. Un auspicio particolare ai ragazzi dell’ultimo anno di scuola secondaria di 1° grado che dovranno prepararsi come si conviene agli Esami di Stato.

AUGURI